Tornare a scuola con una carica in più

A scuola di potassio

È tempo di tornare scuola! E di preparare tutto il necessario: la cartella, il diario, i raccoglitori, astuccio e penne… senza dimenticare di inserire nella lista della spesa anche le banane!

Si sa che le banane, grazie ai nutrienti di cui sono ricche, fanno davvero bene. Meno noto, forse, è quanto evidenziato da uno studio del 2015 pubblicato su JAMA Pedriatrics e che suggerisce di mangiare durante l’adolescenza cibi con elevato contenuto di potassio, come appunto le banane, per mantenere bassa la pressione del sangue in età avanzata.

Nell’indagine i ricercatori della Boston University School of Medicine e della University of Colorado School of Medicine hanno seguito 2.185 ragazze di età iniziale tra i 9 e i 10 anni  per circa un decennio. E nel corso dello studio ne hanno misurato annualmente la pressione del sangue, analizzandone anche la dieta.

Ne è emerso che, nell’età tra i 17 e i 21 anni, coloro che avevano assunto più potassio con l’alimentazione, avevano una media di 1.2/1.2 mm Hg di pressione sanguigna inferiore rispetto alle ragazze che avevano assunto meno potassio. L’apporto di sodio, invece, non aveva prodotto alcun effetto significativo sulla pressione del sangue, portando dunque ad affermare che il potassio sembra essere il più importante nutriente da tenere d’occhio durante l’adolescenza.

Avere una pressione del sangue bassa nei primi anni di vita può aiutare a prevenire l’ipertensione. Così come l’adozione di una dieta corretta sin dalla giovane età, ricca di frutta e verdura fresche ad alto contenuto di potassio, generalmente porta a scelte alimentari migliori da adulti.

Frutta e verdura costituiscono alcune delle fonti maggiori di potassio. Le scelte migliori per bambini e ragazzi sono: le banane (con il 12% del fabbisogno medio giornaliero racchiuso in una banana media), patate al forno con la buccia (con il 26% di una patata), spinaci cotti (con il 12% per 100g), zucca (13% per 100g) e  kiwi (16% per 200g).

Via libera dunque alla tua fantasia in cucina! Che ne dici ad esempio di aggiungere gli spinaci alla pasta, la polpa di una zucca ridotta in purea nella preparazione dei muffin, o ancora fettine di kiwi allo yogurt?

E se sei alla continua ricerca di consigli per il tuo benessere e per quello dei tuoi bambini, continua a seguirci anche su Facebook!

Quota

Commenti

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *