La frutta delle festività

frutta

Le Feste sono ormai arrivate e le tavole sono imbandite con le più svariate leccornie. Anche le persone meno inclini alle superstizioni, in questo periodo cedono alla tentazione di mangiare ed offrire ai propri ospiti cibi ben augurali, tra cui anche tanta frutta, per portare benessere e ricchezza (anche all’organismo!). Quale?

Ananas

Da sempre legato alle tradizioni natalizie, l’ananas è ricco di vitamina C, vitamina B6, manganese ed è l’unica fonte naturale di bromelina, un enzima con proprietà antinfiammatorie che può contribuire ad alleviare gonfiori e lesioni muscolari.

Inoltre contiene calcio, potassio, magnesio, ferro, zinco, rame: necessari per numerosi processi metabolici e quindi essenziali per la salute delle ossa e il corretto funzionamento del sistema nervoso.

Mandarino

La sua forma tonda ricorda le monete ed è simbolo di eternità e completezza. I mandarini, e tutti gli agrumi in genere, sono l’alleato perfetto per una pelle giovane e ossa sane, grazie al loro alto contenuto di vitamina C. Il mandarino è anche ricco di ferro, magnesio, acido folico, fibre e fitonutrienti antiossidanti, un valido aiuto contro i malanni stagionali.

Litchi

Questi frutti dalla polpa perlacea e traslucida provengono dalla Cina, dove sono noti da millenni come simbolo di amore, gioia e vitalità. I litchies contengono moltissime vitamine – soprattutto C e vitamine del gruppo B – ma anche acido folico, potassio, calcio e magnesio. Buoni, salutari e poco calorici: in 100 g, infatti, racchiudono solo 76 calorie!

Melagrana

Simbolo di fertilità e ricchezza, la melagrana è ottima da mangiare a fine pasto ma anche l’ideale per dare un tocco in più a preparazioni salate come risotti o insalate. Frutto particolarmente ricco di polifenoli e flavonoidi, contiene anche potassio, fondamentale per garantire il corretto funzionamento del sistema nervoso, e vitamine A e B.

Kiwi

Dal sapore leggermente acidulo, il kiwi è molto apprezzato durante il periodo delle feste ed è una vera e propria miniera di benessere. Contiene vitamina C, che svolge un’azione importante per ridurre il rischio di coaguli nel sangue (trombosi). Ed è scientificamente provato che consumare due kiwi al giorno porta una carica positiva all’umore e fa sentire più energici.

Kumquat

Il mandarino cinese è ritenuto un prezioso portafortuna, forse grazie alla forma e al colore che lo fanno assomigliare ad una pepita d’oro. Una decina di questi frutti fornisce all’organismo il 48% del fabbisogno giornaliero di fibre, circa 4 grammi di proteine e una buona quantità di pectina che, nutrendo la flora batterica, favorisce la regolarizzazione del transito intestinale. La caratteristica che li rende così unici è che si mangiano con buccia e semi! Le bucce degli agrumi, infatti, sono note per apportare all’organismo una svariata quantità di benefici: ad esempio controllano i livelli di colesterolo nel sangue e combattono gli agenti patogeni.

Uva

L’uva simboleggia l’abbondanza ed è tipicamente consumata la notte di San Silvestro. Secondo la tradizione, mangiare un chicco d’uva al ritmo di ognuno dei dodici rintocchi delle campane di mezzanotte sarebbe una garanzia di fortuna e ricchezza. Quel che è certo è che l’uva è ricca di fibre, che regolarizza no l’intestino, contiene calcio, magnesio, ferro e importanti sostanze fitochimiche come il resveratrolo, un antiossidante che contrasta i radicali liberi e protegge dai danni vascolari, aiutando a prevenire le malattie cardiovascolari.

 

Quale frutto non può mancare sulla tua tavola durante le festività? Raccontacelo qui o su Facebook!

Quota

Commenti

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *