Ti presentiamo il Jackfruit: un sostituto salutare della carne?

Jackfruit

Se ti diciamo Jack, pensi subito al famoso Pirata dei Caraibi? Probabilmente allora sei tra coloro che non ha ancora mai sentito parlare del Jackfruit (o Giaco), l’ultima novità in fatto di alimentazione!

Questo frutto tropicale è attualmente molto in voga nel mondo veggie, conosciuto e utilizzato principalmente come perfetto sostituto della carne. Ma cosa si cela dietro questa tendenza? Ecco 5 curiosità sul Jackfruit.

  • Il Giaco ama il caldo

Nei paesi d’origine, India, Brasile e Indonesia, viene utilizzato sia come ingrediente nella preparazione di curry o zuppe, sia come dessert o snack. I suoi semi vengono trasformati in farina. Il frutto è consumato solitamente quando è dolce e maturo, ma viene utilizzato anche acerbo.

  • È un frutto molto pesante

Il giaco cresce sui rami degli alberi fino a 20 metri di altezza, e il singolo frutto può pesare fino a 35 kg. Queste caratteristiche lo rendono il più grande frutto coltivato al mondo! Appartiene alla famiglia del fico e del gelso e il suo nome deriva dalla parola malese chakka, che significa semplicemente “rotondo”, nonostante la sua forma sia in realtà oblunga.

  • Nasconde un dolce segreto

Anche se l’aspetto esterno non lo dimostra, dentro è incredibilmente succoso. La buccia è verde, ruvida e leggermente spinosa e nasconde una deliziosa polpa composta da tanti bulbi che si irradiano dal nucleo e si staccano facilmente.
Al cuore dolce e aromatico si accede dividendo il giaco in due metà e poi tagliandolo a fette. Questa operazione si può fare a mano con la varietà morbida chiamata jaca-mole, ma è necessario un coltello per quella più dura denominata jaca-dura.

Un consiglio in più? Anche i semi sono commestibili! Prova a cuocerli: hanno il sapore delle castagne.

  • La sua polpa è appiccicosa

Quando apri il giaco per la prima volta, rimarrai sorpreso da quanto sia appiccicoso, al punto che anche il sapone serve a poco. L’olio vegetale è la tua arma segreta: usalo per pulire il tagliere e il coltello e utilizza i guanti monouso. Nei paesi nativi del jackfruit, le persone si lavano le mani con il cherosene dopo averlo toccato: ma questa cosa non è assolutamente da copiare!

  • È un’alternativa alla carne

Il giaco è simile alla carne di pollo, manzo e maiale sia per il gusto sia per la consistenza, ed ecco perché è così popolare tra vegani e vegetariani. Deve essere però raccolto mentre è ancora acerbo se lo si vuole utilizzare come sostituto della carne. In questa fase è quasi insipido e acquisisce il tipico “sapore di carne” quando viene marinato e fritto. Se si aggiungono anche le verdure, si ottiene un piatto ricco di nutrienti. A differenza della carne, fonte di proteine, il giaco è ricco di carboidrati.

E tu l’hai già provato?

Per tante altre curiosità sulla frutta continua a seguirci anche su Facebook.

Quota

Commenti

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *