Arriva dal Sudamerica, ma non è una nuova danza: conosci la Curuba?

curuba

Curu… che? È esotica, dolce e non molto conosciuta (per ora) in Italia. La curuba, frutto dalla forma oblunga noto anche come “banana passion fruit”, nasconde sorprendenti segreti sotto la sua buccia gialla. Oggi vi vogliamo parlare di questo gustoso frutto, destinato a diventare una vera e propria celebrità!

La dolcezza è di famiglia

La pianta della curuba appartiene alla specie Passiflora, che comprende frutti deliziosi come frutto della passione, maracuja e granadilla. Dal punto di vista botanico, la curuba è in realtà una bacca ed è originaria delle Ande Sudamericane, dove è così popolare da essere considerato un frutto da mangiare tutti i giorni.

Gusto esotico

La curuba ha una lunghezza di circa 10 cm e la sua consistenza gelatinosa è molto simile a quella del frutto della passione, come anche i tanti piccoli semi (commestibili) che la compongono. La polpa dal colore giallo-arancio ha un profumo gradevole e un sapore dolce quando raggiunge la maturazione, per la quale basta lasciarla a temperatura ambiente dopo averla raccolta. Se è ancora acerba, invece, l’aspetto della curuba è tendente al verde e il suo sapore aspro.

Un serbatoio di vitamine

Questo frutto esotico è molto ricco di vitamine, come il betacarotene e la vitamina C, ideali per difenderci dai radicali liberi e per rafforzare il nostro sistema immunitario. Insomma, una piacevole e salutare novità da provare appena possibile, per tutti gli amanti della frutta ma non solo.

Sorprendentemente versatile

Ma come si mangia la curuba? Il metodo più comune consiste nel tagliarla semplicemente a metà e assaporarne la deliziosa polpa con un cucchiaino. Ma può anche essere impiegata per aggiungere un tocco sudamericano a macedonie, smoothie, dessert e perfino a piatti caldi.

Ti è già capitato di imbatterti nella Curuba al supermercato o dal fruttivendolo? Facci sapere se ti è piaciuta!

Continua a seguire la nostra pagina Facebook per ricevere altri succosi aggiornamenti!

Quota

Commenti

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *