Anguria: un alleato naturale contro l’ipertensione

Cosa c’è di meglio di una fresca e succosa fetta di anguria nelle giornate estive? La scienza ti offre un motivo in più per mangiarla: i risultati di recenti studi, infatti, sembrano supportare la tesi secondo cui l’anguria aiuta a tenere sotto controllo la pressione arteriosa.

Ricerche precedenti avevano già evidenziato che l’aumento del caldo e delle temperature genera in genere una riduzione dei livelli di pressione massima e minima. E se è comprovato che una dieta povera di sodio, che preveda poca carne ed elevate quantità di frutta e verdura, aiuti a tenere sotto controllo la pressione sanguigna, come ora testimoniato dalla ricerca pubblicata sull’American Journal of Hypertension, validi benefici negli individui ipertesi sembra possano derivare in particolare dall’anguria.

Lo studio ha confrontato i comportamenti di due diversi gruppi: il primo, di controllo, a cui non è stata modificata la dieta, e il secondo, composto da 14 persone (3 uomini e 11 donne) di età media pari a 58 anni e patologicamente obese, a cui per 6 settimane è stata somministrata quotidianamente polpa di anguria in polvere (equivalente a circa 1 Kg di frutto fresco).

Ebbene, rispetto al gruppo di controllo, nel gruppo “con la dieta del cocomero” si è riscontrata una diminuzione del 9% della pressione sanguigna. 

Come mai? Questo frutto dalla caratteristica forma tondeggiante è ricco di vitamine A e C, citrullina e licopene, tutte sostanze in grado di agire – sole o in combinazione tra loro – sul rilassamento e la distensione dei vasi arteriosi e, dunque, sull’abbassamento della pressione. 

In effetti, la polpa rossa dell’anguria contiene il doppio della quantità di licopene presente nei pomodori, se comparate grammo per grammo. 

Comunque, oltre ai benefici per la salute del cuore, assumere licopene ha importanti conseguenze sulla fertilità maschile, sulla riduzione dei danni provocati da scottature solari e persino sulla diminuzione dei rischi di cancro alla prostata. La citrullina, poi, amminoacido presente in grande concentrazione nella buccia dell’anguria, contribuisce a migliorare il flusso sanguigno sopprimendo alcune attività enzimatiche. 

Altri validi consigli per tenere sotto controllo la pressione sanguigna? Camminare per un’ora e un quarto a settimana, ossia 25 minuti al giorno, apporta sicuramente benefici a chi soffre di ipertensione. E sai che anche i mirtilli aiutano a migliorare la pressione sanguigna? Leggi qui

Quota

Commenti

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *